La capretta di nome Nocciola Agriturismo Al Cucco

Alberto |
25 Mag, 2023 |

Home » La capretta di nome Nocciola Agriturismo Al Cucco

Alla scoperta di un bellissimo agriturismo.

Un bel sabato di marzo, sull’altopiano di Asiago 7 Comuni le mattine ancora fresche, la primavera fa fatica ad arrivare. Decido di scendere verso Valdastico in provincia di Vicenza, per conoscere un agriturismo molto particolare. Prendo una strada poco battuta dalle macchine, ma molto dagli amanti della bici. Attraverso il paese di Roana, Mezzaselva, Rotzo, patria della famosa patata, e poi giù lungo una strada con quasi una ventina di tornanti. Il sole inizia a scaldare. Non ho fretta, il mio caro amico Christian mi aspetta nell’agriturismo verso mezzogiorno.

Ad ogni tornante un panorama diverso, i ciclisti si inerpicano con fatica, ma è la loro passione. Solo vederli, mi sento affaticato. Tornante dopo tornante, arrivo nella Valdastico, passo il paese di Pedescala, San Pietro, ancora un po’ di salita, ancora una piccola curva stretta a gomito ed eccomi al tanto desiderato agriturismo Al Cucco.

Parcheggio, salgo una scala in pietra e mi si apre un panorama meraviglioso. Marianna, la proprietaria e casara, mi accoglie con un grande sorriso. Subito mi rendo conto di essere in un angolo di Paradiso. Anche Christian è felice di vedermi qui. Si apre una bottiglia di vino, in segno di benvenuto, che condividiamo con allegria con altri ospiti.

Il panorama è incantevole. Tutto è circondato da boschi. Siamo a 550 m di altitudine.

Alcuni belati attraggono subito la mia attenzione. Nell’appezzamento sottostante le capre della razza Camosciata delle Alpi mi guardano curiose. Mi rendo conto di essere proprio nel posto giusto.

Il piccolo borghetto è composto da piccole case contadine. Una di queste è dedicata ad un’attrezzatissima cucina, con a fianco un piccolo caseificio, e un’altra è riservata all’ospitalità. Ci raggiunge Fabio, marito di Marianna. Si chiacchera, si scherza, l’atmosfera è gioiosa. Ma il mio sguardo è sempre per loro, le capre.

È arrivata l’ora di pranzo, Marianna mi fa strada. Mi accoglie un caminetto acceso che mi dà il benvenuto. Inizio a fare un sacco di domande. Marianna mi zittisce, prima si mangia, e poi ti racconto la storia del Cucco.

Ci accomodiamo a una tavola ben apparecchiata

nella saletta molto accogliente e curata in ogni dettaglio, ed è già pronto l’antipasto. Un piatto di fine porcellana ospita i formaggi prodotti dalla Marianna. Un tripudio di profumi. Marianna me li descrive uno per uno.

       

Si inizia con una deliziosa ricotta, fatta di prima mattina, incredibilmente buona, molto dolce. Subito dopo un formaggio caprino fresco, cremosissimo. Un terzo formaggio è una caciottina di due settimane di vita, ricoperta da una soffice muffa bianca, dal nome penicillium candidum. La pasta è morbida, delicata, al palato è dolce e cremosa, con sentori di sottobosco. Poi un’altra caciotta di due mesi di stagionatura, già con i sapori più accentuati, di grande personalità.

Ed ecco il pezzo da novanta. Lo stagionato prodotto nel mese di giugno dello scorso anno.

Al palato è soave, molto lungo, con sentori erbacei, dolce, equilibrato, un vero formaggio da meditazione. E siamo solo all’inizio.

Dopo questi deliziosi formaggi arrivano i primi, uno più buono dell’altro. Gnocchi, tagliatelle, ravioli, tutti fatti a mano da mamma Adriana, una cuoca di grande talento. Non mancano le carni, la polenta, le verdure e dessert, un vero pranzo da Re.

Mentre assaggio queste delizie, Marianna inizia a raccontarmi la loro storia.

Le casette di proprietà della famiglia, che oggi accolgono l’agriturismo, per molto tempo erano rimaste dei ruderi, nessuno voleva metterci le mani. Nei terrazzamenti intorno veniva raccolta l’uva e le verdure dell’orto. Marianna lavorava in una cartotecnica in pianura. Il papà, muratore, invece, un giorno decise di ricostruire il tutto. Tutti e sabati e domeniche veniva qua per sistemare le case diventate fatiscenti. Alla fine degli anni ’90 erano pronte, e nel 2000 nasce l’azienda agricola.

La passione di Marianna erano le capre. Si inizia. Incontra Fabio, si sposano e comprano due capre e un becco. Ed eccoci partiti nella grande avventura. Nel 2005 nasce l’agriturismo, e da allora non si sono più fermati. Oggi ci sono 60 capre, una clientela affezionata e tanto lavoro. Arrivano i figli, Anna e Filippo. Anna, già diciannovenne, aiuta e impara. Ero incantato ad ascoltare questa bellissima storia, ma era arrivato il momento di conoscere le capre e la mia emozione era al culmine.

Erano appena tornate dal pascolo. Loro, alle sei del mattino, vengono munte da Fabio, subito dopo partono da sole per andare a brucare nel bosco e da sole, a fine mattinata, ritornano per riposare, aspettando la mungitura serale, incredibile!

Come entro nel loro cortile, mi vengono incontro curiose, mi annusano, leccano le mani, sempre guardate dai due maschi, Willy e Ade. Da pochi giorni sono nati i capretti, che già corrono e saltano felici. Marianna prende in braccio una capretta nata tre giorni fa. Ha il manto di color nocciola, e così decidiamo di chiamarla proprio Nocciola.

Che giornata meravigliosa ho trascorso! Indimenticabile! Purtroppo si è fatto tardi, devo partire, ma sono certo che ritornerò molto presto a salutare Nocciola, diventata mia figlia!

Agriturismo Al Cucco

Località Cucco

Valdastico (VI)  Veneto

www.agriturismoalcucco.it

 

 

Ti potrebbe interessare anche…

Antica fattoria La Parrina

Antica fattoria La Parrina

Alla scoperta del magico mondo dell'antica fattoria La Parrina, fatto di storia, di tradizioni, di cultura e di natura incontaminata Un po’ di tempo fa, in occasione di una degustazione di formaggi, ebbi modo di assaggiare un formaggio erborinato di pecora, il Guttus,...

Il Bonat Un Parmigiano Reggiano DOP unico

Il Bonat Un Parmigiano Reggiano DOP unico

Quattro generazione di contadini, quattro generazioni di produttori di un formaggio unico Si fa presto a dire Parmigiano Reggiano, un formaggio conosciuto in tutto il mondo, la cui qualità media è sempre molto alta, grazie ad un disciplinare molto rigido che non...

Formaggio Chocobert di Hansi Baumgartner

Formaggio Chocobert di Hansi Baumgartner

Non si finiscono mai di scoprire i tesori caseari del Maestro Affinatore Hansi Baumgartner della Degust di Varna in Alto Adige. Questa volta Hansi ci propone un’altra sua creazione: il formaggio Chocobert, un formaggio straordinario che unisce il dolce e il salato. È...

Tuma Persa e la gastronomia Armetta

Tuma Persa e la gastronomia Armetta

Gino e Teresa Armetta e Salvatore Passalacqua, grandi scopritori di prodotti tipici siciliani unici A volte per scrivere e raccontare di persone che hanno dedicato la loro vita, la loro professione con tutta l’anima, con tutta la passione, faccio fatica a sintetizzare...

Botalla una storia di famiglia

C’è una storia di famiglia, nel cuore dei formaggi Botalla. Una storia che tramanda la qualità, i sapori e i valori che contano. Con questa passione per la tradizione, la famiglia Bonino porta nel mondo il gusto autentico del Piemonte.   UNA STORIA DI VALORI Era il...

SFOGLIA LA RIVISTA

ABBONATI

POST RECENTI

Antica fattoria La Parrina

Antica fattoria La Parrina

Alla scoperta del magico mondo dell'antica fattoria La Parrina, fatto di storia, di tradizioni, di cultura e di natura incontaminata Un po’ di tempo fa, in occasione di una degustazione di formaggi, ebbi modo di assaggiare un formaggio erborinato di pecora, il Guttus,...

Osteria Da Conte Un’osteria d’altri tempi

Osteria Da Conte Un’osteria d’altri tempi

L'osteria dove regna il calore dell'accoglienza La mia prima volta nell’Osteria Da Conte fu negli anni ’90, anzi, era proprio il 1993. Giorgio Conte, classe 1955, iniziò la sua avventura nel mondo enogastronomico aprendo nel 1978 una birreria a pochi chilometri da...

Panettone che viene dalle terre lontane

Panettone che viene dalle terre lontane

di Rocco Costanzo Panettone è un prodotto tutto italiano? Tantissime sono le specialità che si riconoscono come italiane, dalla pasta alla pizza, solo per citare le più famose. Tra queste, c’è anche il Pan di Toni, meglio conosciuto come il panettone milanese, che è...

SPONSORS

Bonat

Bonat

Formaggio con il latte delle nostre mucche Mi presento, sono Giorgio Bonati e con mio figlio Gianluca conduco la nostra azienda agricola nella campagna parmense. La nostra una famiglia di agricoltori e allevatori da quattro generazioni. Oggi abbiamo circa 100 mucche...

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar, una grande azienda, una realtà importantissima dell'Altopiano di Asiago 7 Comuni Oggi il Caseificio Pennar è un’importante realtà dell’Altopiano, con ben tre punti vendita. Il latte di altissima qualità proviene esclusivamente dagli allevatori...

Guffanti

Guffanti

Guffanti dal 1876 seleziona ed affina i migliori formaggi della tradizione casearia italiana ed europea. La massima attenzione nella ricerca e nella selezione del prodotto caseario di qualità artigianale e la passione per un accurato affinamento, sono le regole...

Valsamoggia

Valsamoggia

Il Caseificio Valsamoggia nasce nel 1974 e da tre generazioni crede fermamente nella qualità e genuinità dei propri prodotti con la passione di sempre. Il nostro obiettivo è guardare al futuro con la determinazione di fare sempre meglio mantenendo inalterata la...

Botalla

Botalla

Era il 1947, quando nacque il marchio Botalla Formaggi, in uno scenario ricco di natura e di colori: l’acqua più leggera d’Italia che sgorga dalle Prealpi biellesi, il verde dei pascoli, il bianco delle creste innevate, il rosso della passione e della voglia di...