Formaggi dorati

Redazione |
18 Mar, 2021 |

Home » Formaggi dorati

di Saverio Santi

Un piatto rivestito di formaggio che esce dal forno con una crosticina dorata perfetta. Ma come si ottiene? E cosa succede all’interno dei formaggio?

Quale migliore sapore e aspetto si ottiene della doratura di uno sformato spolverato con formaggio stagionato grattugiato?

In generale, gli alimenti imbruniscono in due modi:

l’imbrunimento enzimatico che si verifica quando il cibo è esposto all’aria,

l’imbrunimento non enzimatico che avviene quando gli alimenti sono esposti al calore. È questo il processo che conferisce al formaggio un colore dorato e un sapore intenso gradevolissimo (M. Daniel. o.e.l).

La caramellizzazione

Una parte della doratura e dei cambiamenti di sapore che si ottengono quando il formaggio viene cotto è dovuto alla caramellizzazione, un processo di imbrunimento non enzimatico che si verifica quando il calore rompe le molecole dello zucchero, il lattosio. Più a lungo il formaggio viene riscaldato più il colore cambia da un bianco o giallo pallido a gialli più intensi e infine a marroni dorati. La caramellizzazione esalta anche aromi e sapori acidi, burrosi, fruttati, caramello o nocciola.

La reazione di Maillard

La maggior parte della doratura che si ottiene nel formaggio riscaldato è dovuta alla reazione di Maillard, un processo di imbrunimento non enzimatico che prende il nome dallo scienziato francese Louis Camille Maillard che nel XIX secolo la osservò per la prima volta. Una temperatura maggiore di 140 °C provoca la reazione tra aminoacidi e alcuni zuccheri (come glucosio, lattosio e maltosio, detti riducenti) che produce migliaia di molecole con nuovi aromi e sapori incredibilmente vari e gradevoli. Oltre a quelli prodotti nella caramellizzazione, il formaggio può sviluppare aromi terrosi, carnosi, sapidi, floreali, solfurei e di cioccolato, che accompagnano ed esaltano i cambiamenti di sapore.

La scelta dei formaggi

I formaggi non fondono e imbruniscono tutti allo stesso modo. Quando il formaggio viene riscaldato, a seconda della sua tipologia può diventare elastico e filante, liscio e fluido, fondente e non fondente. I formaggi fondenti sono quelli che danno la doratura migliore. Formaggi a pasta semi-dura e bassa umidità come Fontina, Raschera, Groviera o Cheddar sono la scelta migliore. I formaggi a pasta dura stagionati come il Parmigiano-Reggiano devono essere prima grattugiati.

I formaggi a pasta filata, come la mozzarella e il provolone, devono essere mescolati con un formaggio più solido per ottenere una buona doratura.

I formaggi ad elevata umidità cagliati con acido (piuttosto che con caglio animale), come la ricotta e i formaggi di capra freschi, non fondono affatto. Inoltre, l’elevata presenza di acqua inibisce la reazione di Maillard e la doratura.

Come ottenere la migliore doratura

Se il formaggio si scioglie troppo rapidamente o la temperatura è troppo elevata, le proteine possono coagulare e spremere grasso e umidità, producendo una massa gommosa di formaggio immersa nel grasso. Per ottenere una doratura perfetta, è necessario grattugiare il formaggio alla temperatura del frigorifero e portarlo a temperatura ambiente prima della cottura. Questo riduce il tempo necessario al calore prima che il processo di fusione e doratura abbia inizio, evita un improvviso sbalzo di temperatura che potrebbe far coagulare la caseina troppo rapidamente e spremere il grasso, causando grumi, una consistenza grassa o entrambi. Tenere d’occhio la temperatura e mantenerla al di sotto di 180 °C perché il formaggio decompone e carbonizza a temperature superiori, producendo sostanze tossiche e dal sapore amaro.

Saverio Santi
(Dipartimento di Scienze Chimiche
dell’Università di Padova)

Ti potrebbe interessare anche…

Aflatossine nel latte

Aflatossine nel latte

di Saverio Santi Gli effetti delle aflatossine sulla nostra salute possono essere anche molto gravi. Cosa sono? Come possiamo evitarli? Cosa si può fare per diminuire o evitare la loro presenza nella filiera del latte, per avere sulle nostre tavole prodotti caseari...

Formaggi e  intolleranza  al lattosio

Formaggi e intolleranza al lattosio

APPROFONDIMENTO DI Saverio Santi Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Padova L’intolleranza al lattosio è una condizione in cui il consumo di latte, latticini e formaggi provoca una reazione non allergica che si manifesta con disturbi gastrointestinali....

Botalla una storia di famiglia

C’è una storia di famiglia, nel cuore dei formaggi Botalla. Una storia che tramanda la qualità, i sapori e i valori che contano. Con questa passione per la tradizione, la famiglia Bonino porta nel mondo il gusto autentico del Piemonte.   UNA STORIA DI VALORI Era il...

SFOGLIA LA RIVISTA

ABBONATI

POST RECENTI

Pralina di formaggio Alpcäse con finferli

Pralina di formaggio Alpcäse con finferli

Il grande Chef stellato Herbert Hintner del ristorante Zur Rose ha interpretato per Cacio & Pepe Magazine un buonissimo formaggio d’alpeggio, Alpcase, selezionato e affinato dal maestro Hansi Baumgartner, in una ricetta favolosa: Pralina al formaggio d’alpeggio...

SPONSORS

Brazzale, burro e formaggi dal 1784

Brazzale, burro e formaggi dal 1784

Brazzale è la più antica azienda italiana del settore, in attività ininterrotta da almeno 8 generazioni: burro e formaggi dal 1784. L'azienda produce il formaggio Gran Moravia, fatto con metodi tradizionali e con latte di altissima qualità proveniente dalla Filiera...

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar, una grande azienda, una realtà importantissima dell'Altopiano di Asiago 7 Comuni Oggi il Caseificio Pennar è un’importante realtà dell’Altopiano, con ben tre punti vendita. Il latte di altissima qualità proviene esclusivamente dagli allevatori...

Valsamoggia

Valsamoggia

Il Caseificio Valsamoggia nasce nel 1974 e da tre generazioni crede fermamente nella qualità e genuinità dei propri prodotti con la passione di sempre. Il nostro obiettivo è guardare al futuro con la determinazione di fare sempre meglio mantenendo inalterata la...

Botalla

Botalla

Era il 1947, quando nacque il marchio Botalla Formaggi, in uno scenario ricco di natura e di colori: l’acqua più leggera d’Italia che sgorga dalle Prealpi biellesi, il verde dei pascoli, il bianco delle creste innevate, il rosso della passione e della voglia di...

Formaggio Morlacco del Grappa

Formaggio Morlacco del Grappa

Il Morlacco del Grappa è un formaggio tipico della zona del Massiccio del Grappa, che si estende nelle provincie di Belluno, Treviso e Vicenza (Alano di Piave, Quero, Feltre, Seren del Grappa, Arsiè (BL) – Borso del Grappa, Pieve del Grappa, Possagno, Cavaso del Tomba...