La Sardegna fra tradizione e innovazione

Redazione |
15 Ott, 2020 |

Home » La Sardegna fra tradizione e innovazione

Il profumo antico, forte deciso, di formaggio nella terra di Sardegna

Quando si arriva in Sardegna, in qualsiasi periodo e con qualsiasi mezzo, si possono sentire i profumi della vegetazione, dal cisto al mirto, dall’elicriso all’ asfodelo e alle ginestre selvatiche e altri ancora che stordiscono piacevolmente e impegnano non poco i recettori olfattivi. Ma solo addentrandosi nei paesi dell’isola, soprattutto quelli ad alta vocazione agropastorale, si riconoscono i profumi antichi. Uno in particolare è forte e deciso, quello del formaggio, con la sua storia millenaria. Quel profumo che talvolta si portano addosso anche i pastori – casari, per alcuni poco gradevole e spesso scambiato per odori di altro genere. Queste figure, sempre poco conosciute, alle quali va il merito di aver tramandato un sapere antico di padre in figlio attraverso l’oralità. Nulla di scritto.

Il mare di formaggi, dai più tradizionali ai più innovativi

Poi è arrivata la tecnologia che in molti casi ha esaltato le peculiarità dei formaggi, in altri ha snaturato, appiattito e omologato i sapori. I formaggi sardi, caprini, vaccini e ovini, nascono dai pascoli con una straordinaria vegetazione, dalla trasformazione del latte affidato alle mani sapienti dell’uomo. Sul mercato si trovano una infinità di formaggi. Oltre ai più noti e identificabili grazie alle DOP, come Fiore Sardo, Pecorino Sardo e Pecorino Romano, sono tanti con nomi di fantasia, diversi per tecniche di produzione e di stagionatura. Da anni si combatte per dare il corretto valore al prezzo del latte ovino, ancorato a meno di 1 Euro a litro. Altro problema è la grande produzione, che ha concentrato gran parte del latte su poche tipologie. Da qui la necessità di diversificare la gamma.

Bastianino Piredda, uno dei migliori casari sardi e le sue nuove creazioni casearie

Una grande mano la sta dando Bastianino Piredda, tra i migliori casari sardi e consulente di molti caseifici. Recentemente ha creato due nuovi prodotti, tenendo conto anche delle esigenze di una alimentazione moderna e salutistica, senza stravolgerne identità e tipicità delle materie prime. Nasce così la linea “Misto Blu”, unendo nelle giuste percentuali il latte di pecora e di capra, i formaggi ad altissimo valore nutraceutico, un fattore importante che ha contribuito al record dei centenari in Ogliastra. La “Linea Blu” prevede tre tipologie, a pasta cruda e semi-cotta.

Preziose e poco conosciute perle dell’arte casearia sarda

Ma oltre a queste novità, è giusto ricordare alcuni prodotti poco conosciuti, spesso consumati nei confini regionali, che meriterebbero una più attenta valorizzazione. “Sa fresa” o “sa fresa de attunzu”, un formaggio a pasta cruda molle, prodotto con latte vaccino in autunno nel Màrghine, area centro Sardegna. Straordinario anche il Bonassai, della stessa tipologia, ma da cagliata ovina e dalla forma parallelepipeda. Altro prodotto, principalmente delle zone interne, è la cagliata acida “frue o frughe”, nel sud dell’isola è conosciuto come “casu Axedu”, per la particolare acidità, ma è tra i prodotti più ricchi di fermenti lattici. La versione salata, utilizzata per elaborare diversi piatti tipici, è chiamata “Merca”, da non confondere con la “merca” o “mreka” dell’oristanese, a base di pesce, cucinato in acqua abbondantemente salata, che si conserva per diversi giorni avvolto nell’erba palustre “ziba”.

Ma il panorama dei formaggi sardi è veramente vasto e diversificato. Probabilmente bisogna rivedere le quote per tipologia senza perdere il mercato e l’andamento dei consumi,

ma soprattutto è necessario un percorso di formazione e informazione alimentare, ad iniziare dai bambini che ancora devono formare il loro bagaglio olfattivo e gustativo,

spesso deviato dai prodotti industriali, che poco o niente hanno a che fare con la tradizione millenaria dei nostri formaggi.

Gilberto Arru

 

Ti potrebbe interessare anche…

Il formaggio Garbà del Borgo Affinatori

Il formaggio Garbà del Borgo Affinatori

Quando la materia prima di grande qualità incontra l'arte del casaro e l'arte dell'affinatore nasce un grande formaggio Il Garbà è un formaggio tipico delle valli cuneesi, prodotto a latte crudo. La sua pasta è friabile tende a “gessare”, cioè ad assumere una...

Il formaggio Gorghié della Luigi Guffanti 1876

Il formaggio Gorghié della Luigi Guffanti 1876

Fusione di sapori per un grande formaggio Il formaggio Gorghié è prodotto con latte vaccino nelle alture bergamasche, nella Valsassina, dall’originale forma quadrata, che si adattava perfettamente al trasporto nei basti dei muli, che dalla montagna scendevano a valle....

Grana Padano DOP Una storia millenaria

Grana Padano DOP Una storia millenaria

Nel lontano 1135, tra le mura di una bellissima Abbazia, la nascita di un formaggio tra i più celebri del mondo: Grana Padano DOP Per conoscere la storia di questo grande formaggio dobbiamo fare un salto, anzi, un grande salto indietro nel tempo, per arrivare...

Botalla una storia di famiglia

C’è una storia di famiglia, nel cuore dei formaggi Botalla. Una storia che tramanda la qualità, i sapori e i valori che contano. Con questa passione per la tradizione, la famiglia Bonino porta nel mondo il gusto autentico del Piemonte.   UNA STORIA DI VALORI Era il...

SFOGLIA LA RIVISTA

ABBONATI

POST RECENTI

Fagottini di asparagi con fonduta di formaggio Garbà

Fagottini di asparagi con fonduta di formaggio Garbà

Lorenzo e Barbara del Borgo Affinatori di Castello di Annone ci hanno fatto conoscere un'ottimo formaggio affinato nelle loro cantine, il Garbà. È un formaggio tipico delle valli cuneesi, prodotto a latte crudo, a pasta friabile che tende a “gessare”, fresco e...

Il formaggio Garbà del Borgo Affinatori

Il formaggio Garbà del Borgo Affinatori

Quando la materia prima di grande qualità incontra l'arte del casaro e l'arte dell'affinatore nasce un grande formaggio Il Garbà è un formaggio tipico delle valli cuneesi, prodotto a latte crudo. La sua pasta è friabile tende a “gessare”, cioè ad assumere una...

Il formaggio Gorghié della Luigi Guffanti 1876

Il formaggio Gorghié della Luigi Guffanti 1876

Fusione di sapori per un grande formaggio Il formaggio Gorghié è prodotto con latte vaccino nelle alture bergamasche, nella Valsassina, dall’originale forma quadrata, che si adattava perfettamente al trasporto nei basti dei muli, che dalla montagna scendevano a valle....

SPONSORS

Grana Padano DOP

Grana Padano DOP

Il Grana Padano DOP: un prodotto unico Non esiste nessun’altra classificazione casearia che può utilizzare il termine “grana”. Ed è per questa ragione che il nome di questo formaggio italiano andrebbe sempre pronunciato per intero: Grana Padano. Ma si sa, quando un...

Bonat

Bonat

Formaggio con il latte delle nostre mucche Mi presento, sono Giorgio Bonati e con mio figlio Gianluca conduco la nostra azienda agricola nella campagna parmense. La nostra una famiglia di agricoltori e allevatori da quattro generazioni. Oggi abbiamo circa 100 mucche...

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar, una grande azienda, una realtà importantissima dell'Altopiano di Asiago 7 Comuni Oggi il Caseificio Pennar è un’importante realtà dell’Altopiano, con ben tre punti vendita. Il latte di altissima qualità proviene esclusivamente dagli allevatori...

Valsamoggia

Valsamoggia

Il Caseificio Valsamoggia nasce nel 1974 e da tre generazioni crede fermamente nella qualità e genuinità dei propri prodotti con la passione di sempre. Il nostro obiettivo è guardare al futuro con la determinazione di fare sempre meglio mantenendo inalterata la...

Botalla

Botalla

Era il 1947, quando nacque il marchio Botalla Formaggi, in uno scenario ricco di natura e di colori: l’acqua più leggera d’Italia che sgorga dalle Prealpi biellesi, il verde dei pascoli, il bianco delle creste innevate, il rosso della passione e della voglia di...