Guffanti gli allevatori di formaggi

redazione |
19 Mag, 2020 |

Home » Guffanti gli allevatori di formaggi

Ai tempi del vecchio Luigi Guffanti il lavoro del “cacciatore di formaggi” si svolgeva percorrendo a cavallo o a dorso di mulo le valli alpine, dove la maggior parte della popolazione si dedicava alla lavorazione del latte e del formaggio.

Oggi i produttori artigianali di quei formaggi sono rimasti in pochi, ma d’estate portano ancora le loro piccole mandrie di bestiame fino a oltre duemila metri per poter sfruttare i pascoli alpini, vivendo per alcuni mesi in piccoli edifici di pietra privi di tutte le comodità moderne, compresa la corrente elettrica. Fare visita a questi produttori significa percorrere diversi chilometri di sentieri ripidi, proprio come ai tempi di Luigi Guffanti. Per portare a valle le forme prodotte si utilizzano ancora i muli, anche se in qualche caso negli ultimi anni si è cominciato a sperimentare l’uso dell’elicottero, il cui costo elevato è ormai coperto dal valore di questi rari formaggi.

Anche per quanto riguarda l’affinamento dei formaggi non molte cose sono cambiate dall’epoca di Luigi Guffanti.

Gli impianti di refrigerazione danno sicuramente una mano in più, ma i locali di stagionatura, chiamati ancora “grotte”, si trovano sotto il livello del suolo per evitare il più possibile gli sbalzi stagionali. Ma il valore di una grotta non è dato solo dalle sue condizioni climatiche, perché il suo vero segreto (oltre alla competenza di coloro che la gestiscono) è la particolare fauna batterica che vi si crea, la vera responsabile della perfetta maturazione dei formaggi. Tanto che una grotta nuova richiede molti anni di esercizio prima di assumere tutte le caratteristiche richieste. Gli stessi materiali e strumenti utilizzati nelle operazioni di affinamento sono sempre quelli di una volta: scaffalature di legno, periodicamente raschiate per la pulizia, dove le forme vengono poste a stagionare, acqua, sale e aceto per lavare le croste, martelletti e tassellatori per saggiare la consistenza e la maturazione delle forme.

Guffanti oggi cerca di sviluppare il concetto di “allevatore” di formaggi.

A partire dagli anni Sessanta, infatti, con la sempre maggiore diffusione delle produzioni industriali nel campo alimentare, i prodotti tradizionali, provenienti da ambienti particolari, lavorati artigianalmente e secondo metodologie antiche, sono diventati praticamente ignoti alla maggioranza dei consumatori, che dovrebbero invece essere prima di tutto informati, “acculturati” sulle particolari proprietà e caratteristiche di questi prodotti. Guffanti è in prima fila in quest’opera, anche tramite pubblicazioni, seminari e laboratori del gusto, che sempre più spesso accolgono il formaggio come uno dei prodotti italiani più importanti accanto al vino, al pane e alla pasta, all’olio, ai salumi.

Essere “allevatori” di formaggi significa – nel 2020 – essere sempre sul campo.

Si ricercano produzioni che rispettino innanzitutto il benessere animale, tenendo conto dell’alimentazione e dei naturali periodi di lattazione. Ci si deve confrontare con il problema della stagionalità del latte, facendo dunque affidamento su due o tre diversi produttori per tipologia di formaggio, fra loro qualitativamente comparabili. I produttori sono ricercati nel rispetto di due criteri: il benessere dell’animale e la cura del prodotto, data anche dall’utilizzo di strumenti tradizionali in legno e rame per la cagliatura. Infine, le cantine, dove ci si occupa della vera e propria finitura del formaggio; si cerca di dargli un valore aggiunto, quel qualcosa in più che solo una buona stagionatura può garantire.

L’idea dell’allevatore di formaggi nasce proprio dall’idea che il formaggio sia un prodotto vivo, frutto della coagulazione del latte, per cui si evolve, cresce, segue un cammino proprio. Alla Guffanti piace l’idea di prendere per mano il formaggio e di accompagnarlo in un percorso di crescita.

 

Luigi Guffanti 1876 s.r.l.

Via Milano, 140

28041 Arona (Novara)

Tel. +39 0322 242038

info@guffantiformaggi.com

www.guffantiformaggi.com

Ti potrebbe interessare anche…

Hansi Baumgartner L’arte dell’affinatore

Hansi Baumgartner L’arte dell’affinatore

L'arte dell'affinatore, un mestiere affascinante come quello di un artista, che grazie alla sua passione, intuizione, talento e l'impegno costante crea le opere d'arte, e Hansi Baumgartner nel suo atelier di Varna in Val Pusteria crea le sue opere d'arte casearia. Ma...

Luigi Guffanti, oltre un secolo di storia

Luigi Guffanti, oltre un secolo di storia

Carlo Guffanti Fiori è uno dei più bravi affinatori di formaggio del nostro paese. Più di 1000 mq di cantine di affinamento a temperatura controllata, dove ogni reparto è destinato ad una specifica famiglia di formaggi, centinaia di tipicità italiane e tipologie più pregiate provenienti dai paesi europei. Qui la cantina è un secondo terroir, l’affinamento è una fase di rinascita.

Il poeta del latte Vittorio Beltrami

Il poeta del latte Vittorio Beltrami

Nelle Marche, a Cartoceto vive la famiglia Beltrami, produttori ed affinatori di formaggi.  Il “grande capo” Vittorio, chiamato anche Il Poeta del latte, ha dedicato tutta la sua vita all’arte casearia. Quante cose belle abbiamo in Italia: territori ricchi di storia,...

La manteca sotto cenere di Casa Madaio

La manteca sotto cenere di Casa Madaio

OLa preziosa cenere e la storia della Manteca, racconto di un grande affinatore Una sera d’inverno ricevetti una telefonata da un caro amico, Antonio Madaio, grande esperto affinatore in quel di Eboli, bellissimo paese nel parco nazionale del Cilento ai piedi dei...

Maestro affinatore Eros Buratti

Maestro affinatore Eros Buratti

La vita di Eros Buratti è un’altra bella storia italiana, e noi di Cacio & Pepe Magazine ve la vogliamo raccontare, perché è una storia che può insegnare molto ai giovani che vogliono entrare nel mondo del latte. Eros nasce a Intra, nell’estremo lembo del Lago...

Andrea Magi Affinatore-alchimista di formaggi

Andrea Magi Affinatore-alchimista di formaggi

A Castiglion Fiorentino crea le sue opere d'Arte Casearia Andrea Magi, affinatore-alchimista di formaggi. La storia di Andrea Magi profuma di latte. Sin da piccolo, al ritorno da scuola, dopo aver fatto i compiti, si divertiva ad aiutare il papà, che si occupava della...

BRAZZALE

Brazzale è la più antica azienda italiana del settore, in attività ininterrotta da almeno 8 generazioni: burro e formaggi dal 1784. L'azienda produce il formaggio Gran Moravia, fatto con metodi tradizionali e con latte di altissima qualità proveniente dalla Filiera...

SFOGLIA LA RIVISTA

ABBONATI

POST RECENTI

Pralina di formaggio Alpcäse con finferli

Pralina di formaggio Alpcäse con finferli

Il grande Chef stellato Herbert Hintner del ristorante Zur Rose ha interpretato per Cacio & Pepe Magazine un buonissimo formaggio d’alpeggio, Alpcase, selezionato e affinato dal maestro Hansi Baumgartner, in una ricetta favolosa: Pralina al formaggio d’alpeggio...

SPONSORS

Brazzale, burro e formaggi dal 1784

Brazzale, burro e formaggi dal 1784

Brazzale è la più antica azienda italiana del settore, in attività ininterrotta da almeno 8 generazioni: burro e formaggi dal 1784. L'azienda produce il formaggio Gran Moravia, fatto con metodi tradizionali e con latte di altissima qualità proveniente dalla Filiera...

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar, una grande azienda, una realtà importantissima dell'Altopiano di Asiago 7 Comuni Oggi il Caseificio Pennar è un’importante realtà dell’Altopiano, con ben tre punti vendita. Il latte di altissima qualità proviene esclusivamente dagli allevatori...

Valsamoggia

Valsamoggia

Il Caseificio Valsamoggia nasce nel 1974 e da tre generazioni crede fermamente nella qualità e genuinità dei propri prodotti con la passione di sempre. Il nostro obiettivo è guardare al futuro con la determinazione di fare sempre meglio mantenendo inalterata la...

Botalla

Botalla

Era il 1947, quando nacque il marchio Botalla Formaggi, in uno scenario ricco di natura e di colori: l’acqua più leggera d’Italia che sgorga dalle Prealpi biellesi, il verde dei pascoli, il bianco delle creste innevate, il rosso della passione e della voglia di...

Formaggio Morlacco del Grappa

Formaggio Morlacco del Grappa

Il Morlacco del Grappa è un formaggio tipico della zona del Massiccio del Grappa, che si estende nelle provincie di Belluno, Treviso e Vicenza (Alano di Piave, Quero, Feltre, Seren del Grappa, Arsiè (BL) – Borso del Grappa, Pieve del Grappa, Possagno, Cavaso del Tomba...