Il Raviggiolo

redazione |
1 Apr, 2020 |

Home » Il Raviggiolo

I promessi sposi e la clausura della monaca di Monza

Rileggendo alcuni capitoli dei Promessi sposi, del Manzoni, trovo due similitudini con quello che stiamo vivendo in questo periodo tragico. La prima è la clausura della monaca di Monza, costretta a rimanere isolata nel suo convento come noi oggi nelle nostre case; la seconda è la peste che colpì Milano nel 1600.

Il Raviggiolo

Renzo Tramaglino però riuscì a salvarsi e durante la sua convalescenza amava consumare un formaggio fresco, appena fatto, il Raviggiolo. Non sarà forse il Raviggiolo a farlo guarire, ma anche in questo caso il formaggio ha dimostrato di essere importante per la nostra salute.

Il formaggio Raviggiolo, in alcune regioni chiamato anche Raveggiolo o Ravaggiolo, è un formaggio antico, che oggi viene prodotto nell’appennino Tosco Romagnolo, Maremma, la Val Tiberina tra Toscana e l’Umbria, il Mugello, raggiungendo anche alcune zone tra Bologna e Milano. Si può dire che è la Toscana la culla di questo prezioso cacio. Retaggio del mondo contadino, il Raviggiolo è un formaggio semplice, povero di grassi e di sale, ma ricco di vitamine e tante sostanze nutritive, che va consumato fresco entro cinque-sei giorni dalla produzione. In periodi fragili come questi, quando siamo costretti a rimanere tra le mura domestiche, è molto piacevole farselo in casa ed è anche molto facile.

Il Caseificio Valsamoggia

Andiamo insieme da Gabriele Manzini, del caseificio Valsamoggia, per imparare come farlo. Il loro Raviggiolo è molto buono, viene prodotto con latte vaccino. Un tempo si riscaldava il latte nel camino acceso. Non avendo a disposizione un termometro che segnalava la temperatura del latte, ad  un certo punto si immergeva un dito nella pentola e l’esperienza del casaro diceva che era giunta l’ora di cagliare il latte. Si aggiungeva una piccola quantità di caglio e in meno di un’ora il Raviggiolo era pronto. Lo si scolava nelle fuscelle di vimini a perdere il siero, e poi veniva adagiato su fresche foglie di felce. Si consumava fresco, durava pochi giorni, ma era buono!

Allora proviamo a farlo in casa.

Serve latte fresco intero 2 litri, caglio ½ cucchiaio da minestra, e un cucchiaino di sale. Portiamo a temperatura il latte sino a raggiungere i 36/37 °C. Non abbiamo il termometro? va bene lo stesso, impariamo ad usare il dito: il latte non deve essere troppo caldo. Aggiungiamo il caglio liquido, si compra in farmacia, e il sale. Dopo un’ora la cagliata è pronta. Con un coltello la tagliamo grossolanamente a losanghe, la lasciamo riposare per 15 minuti, poi, con una schiumarola, con modi delicati, piano piano, la versano in stampini di plastica che si possono trovare nei Consorzi agrari, o si riciclano quelli acquistati nel supermercato, che contengo la ricotta. In mancanza va bene anche la scolapasta. Una volta scolato il siero, trasferiamo il Raviggiolo in piatti fondi, copriamo con la pellicola e lasciamo riposare in frigo per 24 ore. E’ semplice, ma se la prima volta non riesce, proviamone una seconda, aggiustando la quantità degli ingredienti.

Ti potrebbe interessare anche…

Il Bonat Un Parmigiano Reggiano DOP unico

Il Bonat Un Parmigiano Reggiano DOP unico

Quattro generazione di contadini, quattro generazioni di produttori di un formaggio unico Si fa presto a dire Parmigiano Reggiano, un formaggio conosciuto in tutto il mondo, la cui qualità media è sempre molto alta, grazie ad un disciplinare molto rigido che non...

Formaggio Chocobert di Hansi Baumgartner

Formaggio Chocobert di Hansi Baumgartner

Non si finiscono mai di scoprire i tesori caseari del Maestro Affinatore Hansi Baumgartner della Degust di Varna in Alto Adige. Questa volta Hansi ci propone un’altra sua creazione: il formaggio Chocobert, un formaggio straordinario che unisce il dolce e il salato. È...

Tuma Persa e la gastronomia Armetta

Tuma Persa e la gastronomia Armetta

Gino e Teresa Armetta e Salvatore Passalacqua, grandi scopritori di prodotti tipici siciliani unici A volte per scrivere e raccontare di persone che hanno dedicato la loro vita, la loro professione con tutta l’anima, con tutta la passione, faccio fatica a sintetizzare...

Ore felici con il formaggio Tatie Affinatori Moro

Ore felici con il formaggio Tatie Affinatori Moro

Per un aperitivo, per le nostre "ore felici"  un formaggio accattivante e versatile, erborinato e cremoso Tatie degli Affinatori Moro In Italia da tempo si chiamano Happy Hours, dall’inglese “ore felici”: un momento di giovialità, di incontri, di amicizia. Il tutto...

Botalla una storia di famiglia

C’è una storia di famiglia, nel cuore dei formaggi Botalla. Una storia che tramanda la qualità, i sapori e i valori che contano. Con questa passione per la tradizione, la famiglia Bonino porta nel mondo il gusto autentico del Piemonte.   UNA STORIA DI VALORI Era il...

SFOGLIA LA RIVISTA

ABBONATI

POST RECENTI

Osteria Da Conte Un’osteria d’altri tempi

Osteria Da Conte Un’osteria d’altri tempi

L'osteria dove regna il calore dell'accoglienza La mia prima volta nell’Osteria Da Conte fu negli anni ’90, anzi, era proprio il 1993. Giorgio Conte, classe 1955, iniziò la sua avventura nel mondo enogastronomico aprendo nel 1978 una birreria a pochi chilometri da...

Panettone che viene dalle terre lontane

Panettone che viene dalle terre lontane

di Rocco Costanzo Panettone è un prodotto tutto italiano? Tantissime sono le specialità che si riconoscono come italiane, dalla pasta alla pizza, solo per citare le più famose. Tra queste, c’è anche il Pan di Toni, meglio conosciuto come il panettone milanese, che è...

L’affinatore Luigi Uzzalli

L’affinatore Luigi Uzzalli

Nel verde del Parco Nazionale del Gran Sasso e i Monti della Laga la famiglia Petrucci del Caseificio Storico Amatrice produce i suoi grandi pecorini. Ma non solo. All’interno di questa bella realtà collabora un bravissimo affinatore di formaggi, che trasforma i caci...

SPONSORS

Bonat

Bonat

Formaggio con il latte delle nostre mucche Mi presento, sono Giorgio Bonati e con mio figlio Gianluca conduco la nostra azienda agricola nella campagna parmense. La nostra una famiglia di agricoltori e allevatori da quattro generazioni. Oggi abbiamo circa 100 mucche...

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar

Caseificio Pennar, una grande azienda, una realtà importantissima dell'Altopiano di Asiago 7 Comuni Oggi il Caseificio Pennar è un’importante realtà dell’Altopiano, con ben tre punti vendita. Il latte di altissima qualità proviene esclusivamente dagli allevatori...

Guffanti

Guffanti

Guffanti dal 1876 seleziona ed affina i migliori formaggi della tradizione casearia italiana ed europea. La massima attenzione nella ricerca e nella selezione del prodotto caseario di qualità artigianale e la passione per un accurato affinamento, sono le regole...

Valsamoggia

Valsamoggia

Il Caseificio Valsamoggia nasce nel 1974 e da tre generazioni crede fermamente nella qualità e genuinità dei propri prodotti con la passione di sempre. Il nostro obiettivo è guardare al futuro con la determinazione di fare sempre meglio mantenendo inalterata la...

Botalla

Botalla

Era il 1947, quando nacque il marchio Botalla Formaggi, in uno scenario ricco di natura e di colori: l’acqua più leggera d’Italia che sgorga dalle Prealpi biellesi, il verde dei pascoli, il bianco delle creste innevate, il rosso della passione e della voglia di...